Questo calciatore ha giocato per quattro club principali di Mosca, ad eccezione di "Spartacus". Ma è stato lui a integrarsi con successo nel gioco "Spartak" della squadra russa.

L'inizio del sentiero glorioso

Se parliamo di un calciatore come DmitryKhokhlov, la sua biografia differisce dallo standard. Lui - uno dei pochi giocatori che ha mostrato un alto livello di gioco in Europa, e il ritorno in patria, non ha perso, e ha preso il comando nel calcio nazionale. Il futuro centrocampista della nazionale russa è nato, così come i club stranieri nel 1975, il 22 dicembre, a Krasnodar. Ha studiato alla scuola per bambini del locale "Kuban", ma dopo i 18 anni è stato invitato nel CSKA della capitale, che a quel tempo non era ancora un gigante nel calcio russo. Un giocatore con tali dati antropometrici (altezza 189 cm) è solitamente coinvolto in difesa. Ma Dmitry Khokhlov era noto per la sua visione sottile del campo, così prese posto nel centro, interpretando il ruolo di mente degli attacchi del club dell'esercito. Quasi per cinque anni nel CSKA, ha segnato quindici gol in 62 partite, il che è abbastanza, data la sua disposizione sul campo. Durante questo periodo Dmitrij giocò tre volte sotto la bandiera della Russia come parte della squadra olimpica.

Crescita professionale

Nel 1997, insieme con l'allenatore e alcuniex compagni di squadra Dmitry Khokhlov ha iniziato la sua attività in un altro club metropolitano - "Torpedo". Ma alla vigilia del giovane calciatore è riuscito non solo ad entrare nella squadra nazionale, ma a partecipare, anche se senza molto successo, ai campionati europei del 1996. Per il calciatore ventenne, questi eventi hanno rappresentato una svolta senza pari. Dopo il campionato, il giovane calciatore ha attirato l'attenzione di molti club europei. Dopo aver giocato un anno nella forma del club "Torpedo", Khokhlov in giovane età si trasforma in PSV olandese.

Dmitry Khokhlov

Per questo club (uno dei leader permanenticampionato dei Paesi Bassi) Dmitrij giocò per due anni, per poi trasferirsi in una modesta "Real Sociedad" spagnola. Per il giocatore è stato pagato un record per i fondi spagnoli - quasi cinque milioni di dollari. Dopo aver giocato in Spagna per i ruoli principali di 111 partite in tre anni, Dmitry Khokhlov torna in Russia e diventa un membro del terzo club di Mosca - "Locomotiva".

E ancora Mosca

Sono gli operai delle ferrovie insieme agli uomini dell'esercitointerrotto l'egemonia a lungo termine di "Spartacus". E uno di quelli che divennero la base del nuovo grandioso russo fu Dmitry Khokhlov. Il calciatore in forma di ferrovieri ha vinto i suoi primi trofei significativi: il campionato della Russia e la coppa del paese.

biografia di dmitry hohlov

Come parte della "Locomotiva" Dmitry Khokhlov è andato alcampo 64 volte, fino al 2005. Nello stesso anno ha trascorso l'ultima partita nella nazionale russa, stabilendo la seguente figura: sei gol in cinquantatre partite. Dal 2006, il giocatore di football sta provando un'uniforme blu e bianca della Dinamo. Per sei anni nel "Dinamo" il giocatore di calcio è sceso in campo 130 volte, giocando così la maggior parte delle partite della stessa squadra. Nello stesso club Dmitry Khokhlov ha provato sopra la fascia di capitano, è stato uno dei fondatori della nuova Mosca "Dinamo".

Percorso del trainer

Nel 2011, Dmitry Khokhlov ha ricevuto il titolo diOnorato Maestro dello sport. A quel tempo, aveva completato la sua carriera come giocatore di football attivo e ha iniziato la sua carriera da allenatore. Ora è stato rispettosamente chiamato con il suo nome e patronimico - Khokhlov Dmitry Valeryevich (a volte erroneamente si chiama Dmitry Khokhlov). All'inizio della sua carriera a Mosca "Dynamo" ha lavorato come assistente allenatore. Anche se in breve tempo nel 2012, Dmitry è stato il mentore principale. Dal 2012 è a capo della squadra giovanile: con lui è diventata due volte campione della Russia. Nel 2015, Dmitry Khokhlov ha deciso di provare se stesso in un altro club e tornò al suo nativo Krasnodar.

khokhlov dmitriy calciatore

La prima esperienza di coaching indipendente non ha avuto successo: in "Kuban" ha lavorato solo pochi mesi e ha lasciato questo club senza mostrare i risultati richiesti.

</ p>