Fortunatamente, i casi di questa malattia sono abbastanzaRara, ma l'oftalmopatia endocrina si riferisce a quelle malattie che si riflettono pienamente sul viso del paziente. Cos'è questa malattia e come trattarla? L'oftalmopatia endocrina si riferisce alle malattie autoimmuni. È una malattia dei tessuti dell'orbita e dei muscoli dell'occhio. La malattia si verifica a causa di disturbi nel sistema immunitario del corpo, che portano a gonfiore dei muscoli e del tessuto sottocutaneo, alterata circolazione del sangue nei vasi e strutture delle fibre muscolari, che porta ad una proliferazione patologica del tessuto connettivo. L'oftalmopatia endocrina si verifica spesso a causa di malattie autoimmuni della tiroide. Nel trattamento della tiroide si verifica la remissione di questa malattia.

Le persone che soffrono di oftalmopatia hanno sintomi così caratteristici:

- un'immagine divisa, un'immagine non chiara, soprattutto se si guarda di lato e in alto;

- fotofobia, spiacevole sensazione di sabbia che penetra negli occhi;

- lacrimazione e sensazione di pressione negli occhi, specialmente in caso di vento;

- protrusione innaturale dei bulbi oculari, o altrimenti - esoftalmo.

Con forme edematiche della malattia nei pazientiedema della congiuntiva e delle palpebre. Spesso con questa malattia e casi di ulcerazione della cornea. Nonostante il fatto che l'oftalmopatia endocrina sia considerata una malattia piuttosto grave, esiste un trattamento efficace.

Quando stabilisce una tale diagnosi, il medico curantenomina un numero di farmaci. L'oftalmopatia endocrina, il cui trattamento comprende non solo l'assunzione di farmaci anti-infiammatori (assunti per via orale) e diuretici (per ridurre il gonfiore), richiede l'assunzione di stimolanti della conduzione neuromuscolare. Insieme ai farmaci, viene prescritta una dieta in cui l'assunzione di sale e di liquidi da parte del paziente è limitata.

Il trattamento dell'oftalmopatia endocrina coinvolgericezione antiinfiammatori come il prednisolone (Dekortin, Prednol, metipred), desametasone (Deksazon, Fortekortin, Daxin, Kortideks, Novometazon) Triamtsinola atsitponid (Kenakort, Kenalog, Vetalog).

L'oftalmopatia endocrina ne richiede unodi farmaci diuretici come acetazolamide (Diakarb, Fonurit) Furosemide (Akvatriks, Uriks, Urid, Difureks, Floriks, Kinex, Furon, Lasix), spironolattone (Spironaksan, Urakton, Veroshpiron, Spiriks, Spiro, aldactone, Furo-Aldopur, Aldopur, Spironobene, Lazilakton, Spironol) Idroclorotiazide (Hypothiazid, Dihlotiazid, Dizalunil, Apo-Hydro).

Molto spesso viene prescritto uno di questi stimolatori della conduzione neuromuscolare: Prozerin (Sinostigmina, Miostina, Vagostigmina, Eustigmina, Metastigmina, Neozerina, Stigmosan).

Quando si sceglie il trattamento della malattia dovrebbe essereprendere in considerazione il fatto che il processo infiammatorio che si svolge in questa malattia è spesso soggetto a remissioni spontanee. Inoltre, la gravità e l'attività della malattia influenzano la scelta del trattamento. Nel caso dell'oftalmopatia endocrina grave e moderata, un metodo che ha dimostrato la sua sicurezza ed efficacia è il più spesso usato: la terapia con metilprednisolone. Il trattamento è condotto per cinque giorni, dopo di che è possibile un secondo ciclo, due settimane dopo il primo.

Un altro metodo di terapia è la terapia a raggi X inla regione dell'orbita, che è spesso combinata con il trattamento con glucocorticoidi. Solo in casi molto gravi di questa malattia può essere utilizzato un intervento chirurgico, finalizzato alla decompressione delle orbite. Approssimativamente nel 2% dei casi, questa malattia è caratterizzata da un decorso molto grave, che porta a eventi residui pronunciati, che sono più spesso nella fase inattiva.

</ p>