La trasfusione di sangue è un metodo terapeutico, conche trasferisce il sangue e i suoi prodotti a una persona a un'altra. A questo scopo viene utilizzato solo sangue da donatore. Una tale procedura può salvare la vita umana quando c'è molta perdita di sangue e il corpo non è in grado di inventare da solo. In generale, ci sono una serie di indicazioni, la cui presenza viene assegnato a una trasfusione: perdita acuta di sangue (trauma, durante le operazioni, nonché gravidanza cervicale e delle tube), anemia cronica, sanguinamento lungo persistente, ridotta resistenza dell'organismo (che di solito si verifica prima e dopo l'intervento chirurgico), condizioni di shock, chemioterapia e radioterapia, oltre a disturbi della coagulazione. Molto spesso, questa procedura è prescritta per le malattie ematologiche, le malattie purulente settiche e le forme gravi di tossicosi.

Tuttavia, una trasfusione di sangue ha anche una serie di controindicazioni: cardiopatia scompensata, insufficienza renale, polmonite, tubercolosi, infarto miocardico e presenza di forma grave di ipertensione.

Il fatto è che una tale procedura può esserecausare gravi conseguenze per il corpo, fino a un risultato letale. Pertanto, ad oggi, i medici hanno sviluppato un sistema di conservazione, sangue conservante e tecniche per la sua trasfusione.

Quindi, il sangue è necessariamente testato perpresenza di HIV. L'approvvigionamento e la conservazione del sangue ottenuto sono effettuate a stazioni speciali della sua trasfusione. Lo stoccaggio viene effettuato a una temperatura compresa tra 5 e 7 gradi sopra lo zero. Prima della trasfusione, il sangue viene riscaldato a temperatura ambiente.

Trasfusione di sangue può essere effettuata direttamente (dadonatore al ricevente) o indiretto (sangue raccolto in una fiala contenente un conservante) da. La trasfusione diretta è usata molto raramente. Le indicazioni sono scarse coagulabilità del sangue, sanguinamento prolungato in pazienti affetti da emofilia e presenza di shock traumatico di grado 3, ma in combinazione con perdita di sangue di circa il 25-45%. I donatori per questo tipo di trasfusione dovrebbero prima essere esaminati presso una stazione trasfusionale. Lì viene effettuata la ricerca necessaria e solo allora ha permesso un intervento chirurgico.

È importante ricordare il fatto che la trasfusione di sanguediventa possibile solo quando il sangue del donatore e del ricevente deve coincidere nel gruppo. In casi di emergenza, è consentito l'uso del gruppo 0 (I) per tutti gli altri. Ma i pazienti con il primo gruppo sono autorizzati solo sangue appropriato, e non altri.

Pertanto, la compatibilità dei gruppi sanguigni in trasfusione- una delle condizioni principali per eseguire questa procedura. Per testarlo, vengono utilizzate due serie di sieri standard 0 (I), A (II), B (III), che devono essere conservati a una temperatura di almeno 5 e non superiore a 7 gradi. Su una piastra divisa in quattro parti, una goccia di ogni serie viene applicata con pipette diverse. Quindi, prendendo dieci gocce di sangue con diverse bacchette secche, queste vengono aggiunte a ciascuna goccia sul piatto. In nessun caso dovrebbe esserci un mix di serie e gruppi. In cinque minuti il ​​risultato può essere già visto:

  1. Se tre sieri hanno un colore uniforme, il sangue appartiene al primo gruppo.
  2. Nel caso di una reazione negativa del siero A (II) e positivo dal resto, viene determinato il gruppo A (II).
  3. Se ci fosse una risposta negativa solo da B (III), abbiamo un terzo gruppo.
  4. Nel caso in cui la reazione abbia interessato tutti i sieri, il gruppo del paziente esaminato è il quarto.

Solo dopo che il gruppo è stato identificatotrasfusione di sangue. La compatibilità è il fattore più importante, perché senza la sua verifica, fidandosi solo delle parole del paziente o dei suoi parenti che potrebbero avere dati inesatti, una persona può morire se riceve il gruppo sbagliato.

</ p>